Il centro storico testimonia il passato e la storia del paese.

L’abitato era delimitato da due porte principali (u canceddhu e a Porta ‘e jusu). A citatedha costituiva il più antico insediamento abitativo mentre  imponenti mura lo circondavano per difenderlo dalle incursioni saracene. Ancora oggi è possibile vedere i resti di queste mura in località sutta i muraDa qui si accede alla via dei ruderi dei mulini ad acqua, lungo il fiume Grizzo, ed all’omonimo vecchio ponte.

Il borgo è puntellato di importanti palazzi e bellissimi portali che circondano la centrale Piazza Immacolata, dove inoltre troviamo la Chiesa Matrice ed il secolare Olmo della Libertà, esemplare raro, piantato in tutte le piazze che aderirono alla Repubblica Partenopea. A pochi passi dalla piazza troviamo la chiesetta dell’Addolorata mentre percorrendo la scalinata a fianco al vecchio olmo, si arriva subito sutta a carciara, da dove è possibile ammirare un magnifico panorama.

Da ricordare inoltre Frandonisa, dove probabilmente ebbe il romitorio il frate Dionigi. La fontanella, voluta dalla famiglia Pelaggi, è stata ristrutturata di recente dai cittadini di Montepaone.

© 2020 www.riviviamomontepaone.it. All Rights Reserved - Associazione Culturale Ri...vivi...amo Montepaone - Via Roma, 157 - 88060 Montepaone (CZ) - Codice Fiscale 97069640791